Ragù alternativo, vegan

Standard
Ragù alternativo, vegan

Finita l’estate si ricomincia con i ritmi invernali lavoro, scuola, sport… Che ne pensi di premiarci con una bella e gustosa ricettina classica rivisitata in chiave light e vegan?
Ragù per condire la pasta, la lasagna o da mettere in barattoli per conservarli in dispensa ed avere sempre un sughetto pronto!

ingedienti:

  • 150 gr Granulare di soia
  • 500 ml brodo vegetale o acqua (caldi)
  • 2,5 kg pomodori pelati
  • 2 bottiglie di passata di pomodoro
  • Carote
  • Sedano
  • Basilico
  • Paprica
  • Zenzero
  • Sale
  • Olio extravergine di oliva
  • 1 bicchiere di vino (meglio se rosso)

Procedimento :

  1. Come prima cosa reidratiamo la soia mettendola in ammollo nel brodo (o acqua) caldo
  2. Prepariamo gli ingredienti quindi puliamo la verdura (carote e sedano) la facciamo a pezzettini piccoli
  3. Frulliamo i pelati
  4. Quando la soia è idratata la strizziamo (io uso uno schiaccia patate)
  5. Ora cominciamo la vera preparazione
  6. Mettiamo l’olio con lo zenzero e la paprica in un tegame capiente e saldiamo a fuoco medio
  7. Uniamo le verdurine e lasciamo soffriggere qualche minuto
  8. Aggiungiamo la soia e cuocuamo ancora qualche minuto
  9. Sfumiamo con il vino e lasciamo evapirare
  10. A questo punto aggiungiamo i pomodori (sciaqquando i contenitori con un pochino di acqua che butteremo nel tegame)
  11. Aggiustiamo di sale e lasciamo cuocere a fuoco medio alto con coperchio fino a bollore
  12. Ora abbassiamo la fiamma e la mettiamo bassa e socchiudiamo la pentola lasciando un po’ di aria tra il coperchio ed il tegame
  13. Continuiamo la cottura per un paio di ore o fino a quando il sugo abbia preso la consistenza desiderata (non meno di 1 ora)
  14. Spegniamo il fuoco e solo ora aggiungiamo il basilico

Ecco pronto un super e gustoso sugo per la nostra pasta fresca (in questo video vi mostro come fare) oppure per delle buonissime lasagne

Se volete potete anche conservarlo in barattoli di vetro

Suggerimenti

  • Potete aggiungere al soffritto della cipolla che io generalmente non uso per gusti personali ma è uso comune usarla quindi se vi piace usatela tranquillamente
  • Preparate del brodo vegetale con le verdure che più vi piacciono e potete farlo anche il giorno prima, unite anche qualche erbetta secca e del pepe che daranno un tocco in più
  • Quando ero piccola mia mamma univa al ragù anche dei funghi champignon e dei piselli quindi se volete un super piatto fatelo anche voi sarà ottimo

Ora tocca a te provare la mia ricetta e dirmi cosa ne pensi!

Anche tu fai il ragù vegan? Condividi con me la tua ricetta!

Hai qualche idea in più? Scrivi il tuo suggerimento nei commenti

Ti lascio il video del ragù che ho fatto per te

A presto 🐝

Annunci

Sorbetto ai frutti rossi e cocco vegan e senza zucchero aggiunto

Standard
Sorbetto ai frutti rossi e cocco vegan e senza zucchero aggiunto

Per oggi condivido con te questa ricetta super veloce sorbetto ai frutti rossi!

Basta avere frutta congelata (come nel mio caso frutti rossi) e una bevanda vegetale al cocco (oppure si può aggiungere alla bevanda vegetale del cocco rapè), con pochissimi secondi avremo un sorbetto colorato e gustoso

Le dosi per fare il sorbetto sono indicative perché puoi regolare la densità a seconda dei tuoi gusti aggiungendo o diminuendo la dose del latte

Io ho usato 1 bicchiere di frutti rossi e 1 bicchierino da caffè di bevanda vegetale di riso al cocco

Ti faccio notare che non ho usato zucchero perché la frutta è già dolce di per sé e anche la bevanda di riso è naturalmente dolce

Puoi sostituire i frutti rossi con la frutta che più ti piace ricordandoti di congelarla a pezzi almeno per una notte prima di usarla

Puoi inoltre scegliere una bevanda vegetale a tua scelta, se ne usi una senza cocco ma ti piace l’idea di abbinare ai frutti rossi il cocco puoi sempre aggiungere del cocco rapè o farina di cocco

Ci sono ancora tantissime idee per arricchire questo sorbetto per esempio mettilo sopra una bella coppa di macedonia di frutta fresca o accompagnarlo con dei semini

E se invece preferisci una bibita basta aggiungere della bevanda vegetale e frullare

Puoi consumare subito la tua bibita o portarla in un contenitore termico e berla fresca più tardi per una merenda buona e rinfrescante

Io ho un blender che mi permette di portare la bibita con me fresca, infatti basta svitare le lame e sostituirle con il tappo in dotazione che tra l’altro ha una fessura dove si può attaccare il suo ghiacciolo e tenere il succo fresco fresco!

Ti lascio il video dove vi mostro come è facile fare questa bellissima ricetta!

Spero che la ricetta ti sia piaciuta

Fammi sapere in un commento se già conoscevo questa ricetta e se hai altre idee per renderla ancora più golosa

Riciclando filati vi mostro un trucchetto e i miei lavori

Standard
Riciclando filati vi mostro un trucchetto e i miei lavori

Quest’anno mi sono posta un obbiettivo un po’ strano ma pur sempre un obbiettivo : riciclare tutti i Filati accumulati in ogni angolo della casa!

Questa è solo una delle tante scatole di filati

I progetti sono tanti e svariati perché i filati non sono uguali tra loro, materiali diversi, colori non abbinabili, dimensioni per niente simili ecc…

Caldissimi e coloratissimi calzini di lana

Con molto impegno e determinazione sto smaltendo i vari materiali arricchendo il mio guardaroba con mia grande soddisfazione.

Tra i vari gomitoli ne avevo molti di filo di Scozia quindi un filato molto fino, ho lavorato un paio di top però ho ancora dei gomitoli da lavorare.

Ho pensato di voler fare un progetto che cresca più velocemente e con meno impegno quindi non mi rimane altro che lavorare il progetto con tre fili, quindi triplicando il filato

Per lavorare a tre fili si può lavorare con tre gomitoli ma questo risulterebbe meno agevole, in quanto i fili si potrebbero intrecciare tra loro e formare dei nodi da sciogliere ogni volta perdendo tempo e pazienza, in più tre gomitoli occupano molto spazio e durante l’esecuzione del progetto prenderebbero ancora più spazio. Quindi c’è una soluzione semplice e veloce: lavorare con un solo gomitolo!

1 gomitolo e 3 fili…
Che magia ✨

Vi chiederete come si fa a lavorare con un solo gomitolo tre fili alla volta… Ecco la risposta nel mio video girato appositamente per rispondere a questa necessità

In realtà è veramente semplice infatti basta piegare il filo in 3 e lavorare come di abitudine, durante la lavorazione si formeranno delle asoline dalle quali riusciremo a formare le pieghe per mantenere il filato triplicato fino alla fine del lavoro

Vi lascio il video e qualche foto dei work in progress dei progetti portati a termine fino ad ora

Trasformare un filato fine in uno più grosso

Diagonal granny square C2C

Scaldacollo tricotin

Maglia di cotone lavorata ai ferri con punti traforati e waffle

gilet in filato di pile morbidissimo e caldissimo

Top meraviglioso qui il tutorial da cui ho preso spunto https://youtu.be/PsaPT17PJGE

Orecchini

Maglia in cotone semplicemente stupenda (qui da finire di cucire ma ultimato vi garantisco che è ancora più bello e indossarlo è un piacere per la sua morbida vestibilità)

Canottiera di filo di scozia indossato su un pantapalazzo da me cucito , cosa chiedere di più?

Ultimo progetto ancora da finire coloratissimo e già mi piace tanto tanto

Gilet di lana lavorato ad uncinetto punto waffle

Cercando le foto da caricare in questo articolo mi sono accorta di quanti progetti ho portato a termine e devo dire che sono veramente felice visto che ho ancora tanti gomitoli per creare le mie mille idee

Spero che questo articolo vi sia piaciuto e le foto vi abbiano dato spunti per creare i vostri progetti

Anche voi avete un obbiettivo per quest’anno che state portando avanti con soddisfazione? Fatemelo saper in un commento

Se avete un obbiettivo e ancora non siete a buon punto o non avete ancora iniziato, niente paura ci manca ancora un po’ alla fine dell’anno e come si dice “chi ben inizia è a metà dell’opera” e comunque sono curiosa fatemelo sapere in un commento

A presto 🐝

Diagonal granny square

Standard
Diagonal granny square

Sto lavorando un diagonal granny square , un progetto meraviglioso all’uncinetto.

Le granny square sono le famosissime mattonelle che facevano le nonne per creare delle bellissime coperte .

Ci sono tanti modi per lavorare delle granny square che si possono unire e usare per confezionare maglie, giacchette, borse e molte altre cose oltre, ovviamente, le coperte delle nonne!

Io ho scelto una lavorazione corner to corner (C2C) ovvero una lavorazione diagonale che si lavora iniziando da un angolo del quadrato a l’altro angolo.

Ho fatto anche un video su YouTube e se ti va puoi vedere il tutorial passo a passo della diagonal granny square a questo link https://www.youtube.com/watch?v=SdQeuNAUzMA&t=69s

Scoprirai che le mattonelle si possono lavorare in diversi modi e anche alternando colori diversi , si potrà anche eseguire una mattonella rettangolare!

Spero che troverai qualche spunto interessante

Se questa idea ti è piaciuta dimmelo in un commento

Se hai qualche idea da propormi fammelo sapere

Conoscevi già questa tecnica?

A presto 🐝

Guarda il video qui

Diagonal granny square

Il pagliaccio azzurro – Anna Ora

Standard
Il pagliaccio azzurro – Anna Ora

Cambiare restando sempre uguali,

Sogni di bambino al quale aggrapparsi per non sentirsi troppo grande

Tornare indietro per volare avanti

Anni luce lontano da se stesso così lontano da riconoscersi in un battito di cuore

Un cuore un sogno un amore

Oggi accendo il mio iPod e alle prime note mi sento già così malinconicamente felice o felicemente malinconica

Una canzone che amo di un artista meravigliosa

Pagliaccio azzurro e vorrei condividere con voi testo ⬇️ e musica ⬆️

Una giacca doppiopetto

per avere un cuore in più

tanti nodi al fazzoletto

per non pensarci più

Piedi grandi per sentire

che la terra è sempre là

e il cappello ad impedire

che gli sfugga la realtà.

Questo è il mio pagliaccio azzurro

da bambina in poi

l’amo eppure non gli ho chiesto mai

chi sarai

chi sarai.

Quando è l’eco il mio compagno

e somiglia troppo a me

quando cado e mi vergogno

chissà poi perchè.

Quando è duro avere torto

ed ormai non serve più

quando è duro il mio rapporto

con la mia gioventù.

Chiamo il mio pagliaccio azzurro

dal futuro mio

sto con lui ma non gli chiedo mai

chi sarai?

chi sarai?

Fra noi due pagliaccio azzurro

mai segreti mai

dimmelo all’orecchio se lo sai

chi sarai ?

chi sarai ?

A cosa fa pensare questa musica/canzone?

A presto 🐝